in Documentario

Dittico d’imprenditoria

Anche lo champagne cola dentro i capannoni di Capannonia. Nei capannoni si beve, ci si gloria e si vive. Si passa all’interno di una metastasi corrotta tentando di far sprofondare gli altri nella merda, tentando di scalare la merda aggrappandosi alle teste degli altri, un centimetro alla volta. Respirerò, un giorno. Un giorno abbatteremo il cementarmato, la fede incrollabile in Fàttura, gli avvocati, i centralinisti e le stylist che con le loro auto corrono lungo le vene della SS11 dimostrandoci quanto sia dura la vita e pesante il tempo passato nella terra distrutta e devastata dalla produttività.

Ma non oggi. Oggi si fattura.

Oggi si va al bar in Zona Industriale. Oggi si mangia un panino, si discute di come fregare meglio il russo, l’asiatico o il Parún del capannone di fronte. Oggi si fuma, si fa del nero, si crolla sotto l’ infarto e l’ictus affacciandosi dietro la scrivania di una gelatinosa afa. Il condizionatore é spento, perché fa male.

Scrivi un commento

Commento